Alimenti senza lattosio

Alimenti senza lattosio
Alimenti senza lattosio

Che cos’é il lattosio?

Il lattosio è lo zucchero nel latte. Questo zucchero viene digerito nell’intestino tenue grazie a un enzima chiamato lattasi, ma il lattosio non si trova solo nel latte e nei suoi derivati, ma come additivo che fa parte di molti altri alimenti.

Alla nascita, questo enzima è in grado di digerire il latte materno ma, con la crescita, la quantità di lattasi nel corpo si riduce fino a scomparire.

I 3 tipi di intolleranza al lattosio

Il deficit congenito della lattasi è molto raro. I bambini soffrono di diarrea e devono essere nutriti con latte artificiale adattato.

Il deficit acquisito della lattasi è la progressiva diminuzione dall’infanzia di questo enzima. Inizia intorno ai 5 anni e culmina nell’età adulta. È la forma più comune di intolleranza al lattosio. Solo alcune popolazioni trattengono l’enzima lattasi per tutta la vita; essi sono i discendenti dei popoli nomadi che si alimentano per lunghi periodi esclusivamente di latti e derivati (Balcani, Scandinavia e Nord Europa, alcune popolazioni nomadi dell’Asia settentrionale).

Il deficit secondario della lattasi è causato dall’infiammazione della mucosa intestinale che si verifica nelle malattie infiammatorie intestinali come la malattia di Crohn e la colite ulcerosa. Si verifica anche quando si ha la gastroenterite, dopo trattamenti con antibiotici o dopo aver avuto un intervento del sistema digestivo.

Quali rischi può comportare l’intolleranza al lattosio?

Considerando che il lattosio non è un nutriente vitale, non essere in grado di digerire questo alimento non comporta alcun rischio di carenza nutrizionale.

La tolleranza al lattosio è molto variabile e personale. Il grado di intolleranza a questo zucchero o prodotti lattiero-caseari può essere determinato unicamente dall’osservazione o con una dieta di esclusione per verificare i sintomi prodotti dal suo consumo. In alcuni casi, l’intolleranza al lattosio si evolve nel tempo fino ad una completa intolleranza verso qualsiasi produttore di latte (burro, formaggio, yogurt, panna).

Tuttavia, e nonostante il fatto che l’industria alimentare cerchi di convincerci che i prodotti lattiero-caseari sono indispensabili per le nostre ossa, non è vero. Molte persone in tutto il mondo (soprattutto in Asia e Africa) dove non consumano prodotti caseari soffrono meno di osteoporosi, mentre le persone che consumano più prodotti lattiero-caseari sono quelli con più problemi ossei. L’importante è seguire una dieta bilanciata ricca di sostanze nutritive (vitamina D, calcio, magnesio, proteine ​​e vitamine del gruppo B,… ) ed evitare quegli alimenti e sostanze che distruggono il calcio nel nostro corpo.

Per coloro che non vogliono abbandonare completamente i latticini e digerire correttamente la caseina (proteine ​​del latte), ci sono latticini senza lattosio.Alimenti senza lattosio

Come essere sicuri di avere intolleranza al lattosio?

1. Dieta di eliminazione

In caso di malessere dopo aver consumato latticini o alimenti a base di lattosio:
• Pancia gonfia, gas
• Diarrea
• Crampi o dolore addominale
Inizia con una dieta di eliminazione. Rimuovi tutti i latticini e i prodotti contenenti lattosio dalla tua dieta e segui una dieta priva di latticini e senza lattosio per due settimane.
Se dopo questo periodo i sintomi sono scomparsi, potresti avere intolleranza al lattosio. Per essere completamente sicuro, è possibile passare alla dieta di reintroduzione.
Se dopo aver eliminato latticini e lattosio dalla dieta, i sintomi persistono consultare il medico.

2. Dieta di reintroduzione

Dopo diversi giorni senza lattosio o lattosio nella dieta, se il nostro stato di salute è stato ripristinato e non abbiamo più disturbi digestivi, possiamo confermare l’intolleranza con un semplice test.
Prendi un bicchiere di latte intero, se ricompaiono i sintomi, puoi concludere che hai intolleranza al lattosio.
Non preoccuparti, puoi vivere molto bene senza lattosio e anche senza latticini.

Trovi tanti prodotti senza lattosio come latte, formaggi, biscotti e prodotti da forno.
Al contrario, se dopo aver bevuto il latte non si verificano nuovamente disturbi intestinali (l’effetto può richiedere tra 30 minuti e 8 ore), probabilmente non l’intolleranza al lattosio che ha causato disagio. Si consiglia di consultare il proprio medico per una dieta adeguata e il consumo degli alimenti.

Cibo e lattosio: alimenti senza lattosio e con

Il latte

Il latte è l’alimento meno tollerato dalle persone con intolleranza al lattosio. Molte persone non sanno di essere intolleranti, tuttavia, quando sperimentano una digestione difficile dopo aver bevuto un bicchiere di latte hanno un sintomo di intolleranza.
Il latte scremato contiene ancora più lattosio rispetto al latte intero. Alimenti senza lattosio

Yogurt, creme e formaggi senza lattosio

I latti fermentati (yogurt) sono generalmente meglio tollerati dalle persone che hanno un lieve grado di intolleranza perché contengono meno lattosio. È perché il lattosio è “predigerito” dai batteri lattici che sono abbondanti in questo tipo di prodotti. Gli alimenti probiotici a base di latte contengono batteri lattici in grado di sopravvivere all’acido gastrico nello stomaco e raggiungere l’intestino crasso dove hanno un’influenza benefica sulla flora intestinale locale. La quantità di yogurt tollerata è variabile e dipenderà da ogni persona.

I formaggi stagionati non contengono lattosio. Tutti i formaggi stagionati per più di un anno perdono il lattosio. Le persone che hanno intolleranza al lattosio ma digeriscono la caseina (proteine ​​del latte) possono consumare questi formaggi:

  • Edam
  • Emmenthal
  • Fontina
  • Grana Padano (stagionato 36 mesi)
  • Gruviera
  • Parmigiano Reggiano (stagionato 36 mesi)
  • Pecorino romano
  • Provolone

Leggi l’elenco dei formaggi senza lattosio, italiani regionali.

Formaggi semi stagionati e teneri (Manchego, Pirineo, Camembert, Brie …) contengono tracce di lattosio. Alcune persone con un leggero grado di intolleranza possono digerirle se mangiano solo una piccola quantità:

  • Asiago
  • Brie
  • Caciocavallo
  • Caciotta
  • Camembert
  • Caprino
  • Quark
  • Taleggio
  • Toma

I formaggi freschi (da Burgos, feta, mozzarella, ricotta, ricotta, crema spalmabile) contengono fino a 3 g di lattosio per 100 g di prodotto.

  • Burgos
  • Certosino
  • Feta
  • Fiocchi di latte
  • Formaggi spalmabili
  • Mozzarella
  • Ricotta vaccina o caprina

Burro e panna contengono lattosio anche se in poca quantità. Alcune persone con un leggero grado di intolleranza possono digerirle se le consumano in piccole quantità.

Latticini senza lattosio

Prodotti lattiero-caseari senza lattosio sono un’opzione per coloro che non vogliono rinunciare ai prodotti lattiero-caseari. Leggi l’articolo sui prodotti e latte senza lattosio.

Alimenti con lattosio

Il problema con il lattosio è che non è presente solo nei prodotti lattiero-caseari, che sono abbastanza facili da identificare, ma anche nel suo utilizzo come additivo.
L’uso del lattosio nell’industria alimentare è molto diffuso. Si trova nella maggior parte dei cibi trasformati, in miscele o condimenti, anche in dentifricio e farmaci.
Una persona con una grave intolleranza al lattosio dovrebbe controllare le etichette di tutti i prodotti prima di acquistare:
• Prodotti lattiero-caseari in generale.
• Margarine: molte contengono lattosio nonostante siano grassi vegetali.
• Salsicce: quasi tutte le salsicce contengono aggiunta di lattosio.
• Cioccolato al latte, cioccolato bianco, creme al cioccolato. Il cioccolato fondente di qualità non contiene lattosio.
• Panetteria: pane tenero, pane a fette.
• Pasticcini: biscotti, dolci, torte, un po ‘di torrone, alcuni cereali per colazione.
• Dessert di latte: creme, budino di riso, topo, ecc.
• Gelato.
• Salse e condimenti per insalate.
• Zuppe in scatola.
• Integratori alimentari per sportivi che contengono proteine ​​del siero del latte.

Sostituti caseari

C’è una grande varietà di bevande vegetali che possono sostituire i latticini per la prima colazione, lo spuntino o la preparazione di dolci e biscotti.
Le più popolari sono le bevande di soia, latte di mandorla, fiocchi d’avena e riso. Inoltre ci sono molte altre bevande o latti vegetali come nocciole, noci, miglio, farro, quinoa, kamut, oltre al noto latte di cocco. Ognuno di loro ha proprietà specifiche. Molti sono arricchiti con calcio e sono una buona alternativa al latte. Una buona abitudine è quella di variare tali bevande vegetali.
Scegli quelli realizzati con prodotti biologici che non contengono additivi che promuovono l’infiammazione come carragenine.Alimenti senza lattosio

Diventa un esperto di etichette

Se hai un alto grado di intolleranza al lattosio, devi diventare un esperto di etichette per essere certo di consumare alimenti senza lattosio:
• Non vergognarsi di leggere attentamente le etichette anche se ci vuole tempo.
• Acquista prodotti di fiducia quando sei sicuro che non contengano lattosio.
• Preferisci il cibo fatto in casa, e se non ti piace cucinare, fai uno sforzo. Il miglior cibo è quello che puoi cucinare a casa, sarai sicuro di tutti gli ingredienti che compongono il tuo piatto.
Se mangi fuori casa:
• Non dubitare nel chiedere sempre quali ingredienti ha il piatto se non è indicato.
• Comunica al cameriere che hai intolleranza al lattosio e che il piatto non può contenerlo.
Alimenti senza lattosio

Supplementi di lattasi

L’integratore per lattasi è un prodotto per diabetici, non un medicinale, e facilita la digestione dei prodotti caseari per coloro che soffrono di intolleranza al lattosio. Le compresse di lattasi compensano la mancanza dell’enzima lattasi nel nostro sistema digestivo. Anche se non si tratta di abusare di questi integratori per continuare a prendere il latte a tutte le ore.
Sembra che la scelta migliore per evitare di sentirsi male quando si deve mangiare fuori e non siete sicuri di quali ingredienti contengono il vostro piatto, e quindi evitare gli effetti spiacevoli durante la digestione. Anche per quelle persone che non hanno perso il gusto di consumare prodotti lattiero-caseari e non vogliono consumare esclusivamente alimenti senza lattosio.
Alimenti senza lattosio