Intolleranze alimentari che non fanno dimagrire

  1. Le intolleranze alimentare sono “di gran lunga la più comune causa di aumento di peso”
  2. Alimenti quotidiani come grano, mais, latte e uova sono i colpevoli più comuni
  3. Eliminare potenziali alimenti “problematici” potrebbe anche alleviare disturbi come mal di testa e umore basso
  4. Dimagrire contando le calorie è una strategia che fa “fallisce costantemente milioni di persone”

Intolleranze alimentari che non fanno dimagrire

Perché la mia dieta non funziona

Che sia a basso contenuto di grassi, a basso contenuto di carboidrati, a basso indice glicemico – la maggior parte di noi ha provato, e fallito, a perdere peso ad un certo punto della propria vita.

Ora un importante dottore sostiene che il problema potrebbe essere molto più radicato – e un’intolleranza alimentare esserne la causa.

Se il corpo è “infastidito” da un cibo, può causare sensibilità e aumento di peso, afferma il dott. John Mansfield, un pioniere nel campo dell’allergia e dell’alimentazione.

Aumento di peso e intolleranze alimentari

Infatti egli afferma che le intolleranze alimentari sono “di gran lunga la causa più comune di aumento di peso”, piuttosto che troppe calorie o una mancanza di esercizio fisico.

“Uno dei segreti di perdita di peso di maggior successo è scoprire se sei sensibile a qualsiasi normale cibo quotidiano come grano, mais, uova, lievito o latte”

Scoprire di essere intolleranti e dimagrire

“Le sensibilità alimentari, che variano considerevolmente da persona a persona, sono state la causa principale in oltre il 70 per cento dei pazienti che ho trattato in un periodo di 31 anni nella pratica clinica, specializzandomi in allergia e medicina nutrizionale.”

Aggiunge che molti di noi non hanno idea di essere sensibili a certi cibi perché li mangiamo sempre e quindi sopportiamo sintomi come mal di testa o affaticamento senza renderci conto della nostra dieta.

“I problemi legati all’obesità e al peso hanno raggiunto proporzioni epidemiche nel mondo occidentale negli ultimi trent’anni, con sempre più persone che lottano per raggiungere il loro peso ideale.”

Contare le calorie non è la soluzione per dimagrire

Il dott. Mansfield annulla anche la teoria che il conteggio delle calorie e le diete a basso contenuto di grassi possono portare alla perdita di peso.

I grassi nella dieta per dimagrire

“Le diete a basso contenuto di grassi non funzionano perché abbiamo bisogno di grassi per regolare i nostri appetiti. Se non stai mangiando abbastanza grassi, il tuo appetito non si accontenta e sei costantemente affamato e quindi mangi di più.

“Il mantra ripetitivo di medici, dietologi e governi è di ridurre l’apporto calorico e aumentare l’esercizio fisico. Eppure questo approccio non ha prodotto i risultati desiderati.

“Nonostante le prove crescenti contro di esso, gli esperti sono bloccati nel solco concettuale a senso unico del controllo delle calorie, una strategia che fallisce costantemente milioni di persone.”

Allergie alimentari e aumento di peso

Invece, il dott. Mansfield consiglia di verificare i problemi di salute che possono influire sul peso, come un problema alla tiroide (un tiroide iperattivo può portare ad un aumento di peso) e identificare le sensibilità alimentari che infiammano il corpo e contribuiscono all’aumento di peso.

La teoria è che una reazione di tipo allergico causata da sensitivi alimentari interrompe un meccanismo di feedback in una parte del cervello chiamata ipotalamo.

Dopo aver mangiato, questo riceve segnali dall’intestino che il grasso corporeo immagazzinato è aumentato, spingendoci a sentirci meno affamati.

“Quando questo meccanismo funziona bene, il peso corporeo rimane costante, nonostante il consumo calorico abbastanza ampio di giorno in giorno”, ha affermato il dott. Mansfield.

Scopri se sei intollerante a qualche cibo

Tuttavia, la reazione avversa causata dal consumo regolare di cibi a cui sei sensibile fa sì che il livello di peso” costante “sia impostato in modo permanente ad un livello errato e più elevato.

Ecco perché non puoi perdere i chili indipendentemente da ciò che mangi.

Dieta di eliminazione

Al fine di capire quali alimenti potrebbero influenzare la vostra salute, consiglia di seguire una dieta di “eliminazione” e di reintrodurre progressivamente potenziali alimenti “problematici” come latte, uova e lievito.

La dieta eliminatoria ti permette di mangiare quanto vuoi di alimenti identificati come “alimenti a bassa sensibilità”, come tacchino, agnello, molti tipi di pesce, lenticchie, verdure come fagiolini e avocado e frutta come mele.

Attraverso questo processo di eliminazione della “perdita di peso degli alimenti ad alta sensibilità” si raggiunge rapidamente entro i primi sette giorni.

Tuttavia, l’obiettivo generale di questa dieta è di introdurre una vasta gamma di alimenti nella dieta che non influenzi negativamente il peso o induca altri sintomi come mal di testa e stanchezza.

Reintroduci da poco gli alimenti sospetti

caffe non fadimagrire

Molti di noi potrebbero essere sensibili a cibi come caffè, frumento e uova, che potrebbero impedire la perdita di peso

Il processo richiede in media fino a sei settimane per reintrodurre gli alimenti nella dieta, ma in realtà è possibile conoscere gli alimenti che si possono consumare in quantità, senza influenzare il peso o il modo in cui si sente fisicamente.

Non dovresti mai provare fame seguendo questa dieta. Se lo fai, non mangi abbastanza dei cibi consentiti.

I 20 alimenti più sospetti di causare allergia e aumento di peso

  1. Grano
  2. Mais
  3. Farina di mais
  4. Latte e prodotti derivati
  5. Uova
  6. Lievito (utilizzato in molti prodotti come pane, aceto e alcol)
  7. Zucchero di canna
  8. caffè
  9. Avena
  10. Malto d’orzo
  11. Zucchero di barbabietola
  12. Patate
  13. Soia (usata frequentemente negli alimenti trasformati)
  14. Limoni
  15. Fave di cacao (cioccolato)
  16. Arance
  17. Manzo
  18. Maiale
  19. Cipolle
alimenti senza istamina e tiramina
istamina-orticaria
Come abbassare l’istamina naturalmente