vino senza istamina

Forse già saprai che i vini e le bevande alcoliche contengono istamina.
Ma sei alla ricerca di un delizioso vino a basso contenuto di istamina e senza soffrire i sintomi di intolleranza all’istamina?

Ammettiamolo, a tutti noi piace sentirci liberi di sorseggiare del vino a casa o con gli amici.

Arrivate ad una cena e trovate un tavolo con varie delizie davanti a voi – vini, formaggi, carni, dolci, verdure fresche e frutta. Puoi immaginarlo? Certo che puoi.

Ora: quali di questi sono cibi ad alto contenuto di istamina ? Il modo più rapido per individuare la risposta giusta è scegliere i vecchi: qualsiasi cosa invecchiata o fermentata avrà le sue proteine ​​scomposte e naturalmente contiene un’alta concentrazione di istamine.

I vini sono i maggiori colpevoli, la maggior parte dei vini contengono quantità variabili di istamina e possono causare effetti indesiderati nei soggetti intolleranti all’istamina.

Come si può gustare un bicchiere di vino senza aggravare i sintomi di intolleranza all’istamina?

Trova un vino a basso contenuto di istamina per solleticare le tue papille gustative.

Molte persone inizialmente capiscono di avere intolleranza all’istamina dopo aver assaggiato un bicchiere di vino. I sintomi sono simili a quelli che derivano dalla rinite allergica: starnuti, prurito, congestione nasale e mal di testa.

Ma i sintomi possono variare e presentarsi su tutto il corpo e queste reazioni possono coprire solo la punta dell’iceberg.

Quindi, se vuoi assaporare un bicchiere di vino a basso contenuto di istamina dopo una lunga e dura giornata, senza scatenare i sintomi dell’istamina non desiderati, come fai a trovare dei vini affidabili e bassi a base di istamina di cui ti puoi fidare?

Questa lista di vini a basso contenuto di istamina è una guida affidabile per imparare a riconoscere il vino che puoi consumare e quali evitare nella tua dieta senza istamina.
Ricorda che non ci sono vini senza istamina, ma puoi consumare quantità limitate di vino a basso contenuto.
Brindare con un bicchiere a Capodanno o accompagnare un pranzo delle feste con un bianco ti farà felice!

Vino a bassa istamina: rosso o bianco

vino bianco a bassa istamina

vino bianco a bassa istamina

Non ci sono dubbi: se stai cercando un vino a bassa istamina, salta i rossi.

Meno “rosso” è il tuo vino, meglio è. I vini frizzanti, bianchi e rosati sono tutti vini a bassa istamina rispetto ai rossi. E non è nemmeno una piccola differenza.
Il vino rosso può avere più del 20% fino al 200% di istamina in più rispetto al vino bianco (fare riferimento alla tabella seguente)!

Questi livelli elevati di istamina sono incredibilmente importanti, in quanto i ricercatori sostengono che ben il 75% di coloro che presentano sintomi a seguito del consumo di vino stanno reagendo in modo specifico alle istamine presenti nel vino, e questo è stato corroborato da diversi studi.

Uno studio, noto come Red Wine Provocation Test, ha esaminato 28 soggetti di età compresa tra 19 e 63 anni con una storia di intolleranza al vino e ha osservato che 22 dei 28 pazienti avevano livelli di istamina plasmatica significativamente più alti 30 minuti dopo aver bevuto 125 ml di vino rosso (che contiene l’equivalente di 50 microgrammi di istamina). Questo studio ha concluso una netta correlazione tra le reazioni al vino e l’intolleranza all’istamina.

Il team di scienziati dietro il Red Wine Provocation Test ha anche valutato i livelli di istamina in 52 vini e 17 birre. Hanno scoperto che il vino rosso aveva una percentuale significativamente maggiore di istamina rispetto ai vini bianchi, agli champagne e alle birre.


Livelli di istamina in diversi tipi di bevande alcoliche

Bevanda alcolicaLivelli di istamina (microgrammi / l)
Vini rossi60-3800
Vini bianchi3-120
Champagnes15-670
Birra21-305

Come si può vedere dalla tabella sopra, quando si tratta di trovare un vino a bassa istamina, i vini bianchi saranno una scommessa molto più sicura che afferrare una bottiglia di rosso!



Tuttavia, vi sono alcune eccezioni e semplicemente la scelta del bianco non garantisce che sia possibile evitare i sintomi. Dobbiamo approfondire per spiegare esattamente quali tipi di vini e marche a bassa istamina saranno i migliori …

Allergia ai solfiti

Prima di continuare, è importante notare che le persone possono sperimentare reazioni avverse ai vini anche per altri motivi, non solo intolleranza all’istamina, in particolare dai conservanti solfiti aggiunti ai vini.

Quindi, al fine di garantire che le reazioni nel test di provocazione del vino rosso fossero dovute all’istamina, gli scienziati hanno somministrato terfenadina (un antistaminico comunemente usato al momento, vedi Allerzil, Telfast, Teldane) ai soggetti prima di consumare vino. Una volta consumata, la terfenadina ha significativamente eliminato i sintomi in dieci pazienti su dodici.

È da notare, tuttavia, che la terfenadina farmaceutica si puo’ sostituire con un’antistaminico naturale chiamato Natural D-Hist.

I sintomi dovuti al vino negli allergici

In un altro studio l’istamina nel vino sembrava indurre costrizione delle vie aeree nei polmoni dei soggetti, portando a tosse, respiro sibilante e mancanza di respiro. Quando i soggetti sono stati fatti bere un alto contenuto di istamina (fino a 3.700 microgrammi / l), hanno manifestato respiro sibilante e diminuzione della funzionalità polmonare.

Inoltre, i livelli di istamina nel sangue aumentavano dopo intervalli di 10 e 20 minuti e apparivano iniziare a ridurre dopo mezz’ora. Questo è stato il caso dei vini ad alta e bassa istamina.

Vino e mal di testa

Molte persone soffrono di mal di testa dopo aver bevuto alcolici. Tuttavia, se hai mal di testa cronico, quello che arriva la mattina dopo aver gustato un bicchiere o due di vino potrebbe essere un po’ più forte.

Diversi test hanno dimostrato che il mal di testa può essere indotto dall’ingestione di vino. Attenersi a una dieta a basso contenuto di istamina può rivelarsi un salvavita nell’aiutare coloro che hanno sofferto di mal di testa cronico e, attenendosi a bere poco vino a bassa istamina può effettivamente ridurre i sintomi di una sbornia.

Quali sono i migliori vini a bassa istamina se sei intollerante all’istamina?

I vini bianchi sono una risposta ovvia, ma cosa succede se vorresti un po’ di rosso e non vuoi scatenare il prurito e starnutire?

Vino rosso a bassa istamina

vino rosso a bassa istaminaIn uno studio del 2011 pubblicato dal Centro per le allergie di Floridsdorf, in Austria, un centinaio di vini rossi selezionati di alta qualità prodotti da sette diverse cultivar sono stati testati per i livelli di ammina. La maggior parte dei vini presentava livelli amminici simili, ad eccezione dei vini Pinot nero e St. Laurent nettamente più alti.

Inoltre, ben il 34% dei vini testati aveva più di 10 mg / l di livelli di istamina, un livello soglia adottato in diversi paesi in tutto il mondo. Gli scienziati hanno scoperto che i livelli di istamina variavano considerevolmente tra i vini rossi indipendentemente dalla varietà di uva e anche i vini di alto valore avevano elevate quantità di istamine.



Ad esempio, quando sono stati confrontati i vini del 2004 e del 2005, è stato riscontrato che i livelli erano più alti nel 2004 (un’annata con vini rossi molto buoni) rispetto al 2005 (un anno che produceva vino rosso medio).

Il processo di produzione può avere un ruolo

produzione di vini a bassa istaminaFermentazione malolattica – ne hai mai sentito parlare prima? È come tutto il vino è fatto – la fermentazione malolattica è la conversione dell’acido malico dal gusto acido, che si trova nell’uva, al sapore più delicato dell’acido lattico da parte dei batteri. La fermentazione malolattica è ciò che conferisce al vino un gusto morbido e rotondo.

I progressi nella tecnologia di produzione possono mantenere la speranza per tutti quegli amanti del vino rosso che temono di bere un bicchiere a causa degli effetti collaterali dell’intolleranza all’istamina, mentre gli scienziati stanno ora ricercando l’uso di ceppi batterici alternativi durante il processo di fermentazione per aiutare a ridurre le quantità di istamine nei vini e quindi produrre opzioni di vino a basso contenuto di istamina.

In precedenza si riteneva che alti livelli di istamina fossero dovuti a processi di produzione non igienici, sebbene studi abbiano dimostrato che anche vini di alta qualità contengono grandi quantità di istamina. Tuttavia, vari studi hanno dimostrato che un’attenta selezione dei ceppi utilizzati nel processo di fermentazione può ridurre la quantità di ammine biogeniche nel sottoprodotto finale.

Vini a bassa istamina : un elenco completo

Comprendiamo che non è abbastanza facile portare avanti una lunga lista di vini tra cui scegliere quando si va a fare la spesa (o se si fa una degustazione di vino). Tuttavia, se sei un amante del vino ma sei intollerante all’istamina, conoscere tutti i dettagli dei vini ad alta e bassa istamina è fondamentale per ridurre le conseguenze sintomatiche.


Vini a bassa istamina certificati

I seguenti vini sono stati testati e certificati per avere meno di 0,5 mg / l di istamine. E, per rendere le cose ancora migliori, vengono tappate con un coperchio arancione, rendendoli facili da identificare.

  • Dolcetto D’Alba Doc Istamina bassa
  • Diano D’alba Doc Istamina bassa
  • Barbera D’Alba Doc Low Histamines
  • Langhe Chardonnay Doc Istamina bassa

Se desideri ancora provare un vino non certificato, di seguito è riportato un elenco dei livelli di istamina in diversi tipi di vino e altre bevande alcoliche.

Istamina nel vino bianco

Massimo 120 μg / l
Media 37 μg / l
Minimo 3μg / l

Istamina nel vino rosso

Massimo 3800 μg / l
Media 1010 μg / l
Minimo 60 μg / l
Bordeaux Francia 2200 μg / l
Chianti Italia 1930 μg / l

Istamina in Champagne

Pommery France 670 μg / l

Istamina in vino da dessert

Massimo 400 μg / l
Media 280 μg / l
Minimo 80 μg / l

Istamina in spumante

Massimo 78 μg / l
Media 46 μg / l
Minimo 15 μg / l

Istamina nel vino rosato

Massimo 61 μg / l
Media 40 μg / l
Minimo 15 μg / l

E per gli amanti della birra:

Istamina nella birra di frumento

Massimo 305 μg / l
Media 211 μg / l
Minimo 117 μg / l

Istamina nella birra

Massimo 52 μg / l
Media 32 μg / l
Minimo 21 μg / l
Budweiser USA 28 μg / l

Istamina nella birra senza alcol

Massimo 38 μg / l
Media 26 μg / l
Minimo 15 μg / l



Fonti e riferimenti:

Wantke F, e. (1994). Il test provocatorio del vino rosso: intolleranza all’istamina come modello per l’intolleranza alimentare.
Wantke F, e. (1996). Istamina nel vino. Broncocostrizione dopo un test di provocazione con vino rosso controllato da placebo in doppio cieco.
F, J. (1996). Vino e mal di testa. – PubMed – NCBI. [online] Ncbi.nlm.nih.gov. Disponibile all’indirizzo: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8645981
Konakovsky V, e. (2011). Livelli di istamina e altre ammine biogeniche in vini rossi di alta qualità. – PubMed – NCBI. [online] Ncbi.nlm.nih.gov.
Smit, A. (2008). [online] Disponibile all’indirizzo: https://www.researchgate.net/publication/50926144_Biogenic_Amines_in_Wine_Understanding_the_Headache
Berbegal C, e. (2017). Abbassando la formazione di istamina in un vino rosso Ribera del Duero (Spagna) utilizzando un ceppo O. oeni indigeno come antipasto malolattico. – PubMed – NCBI. [online] Ncbi.nlm.nih.gov. Disponibile all’indirizzo: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28061327
Kanny G, e. (1999). Il contenuto di istamina non influenza la tolleranza del vino nei soggetti normali. – PubMed – NCBI. [online] Ncbi.nlm.nih.gov. Disponibile all’indirizzo: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10219426
Kanny G, e. (2001). Nessuna correlazione tra intolleranza al vino e contenuto di istamina del vino. – PubMed – NCBI. [online] Ncbi.nlm.nih.gov. Disponibile all’indirizzo: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11174207

carenza-di-DAO-e-coronavirus
alimenti senza istamina e tiramina