Zeolite antistaminico naturale proprietà

istamina alta sintomi Zeolite-antistaminico-naturale-proprietà

L’antistaminico naturale che non conosci: la zeolite

Zeolite antistaminico naturale



Nell’ultimo anno o giù di lì, ho usato la zeolite, piuttosto che i farmaci da prescrizione, per disintossicare con successo l’intestino.

Da allora ho scoperto che la zeolite lega le istamine, fornendo un altro modo per neutralizzare le istamine in eccesso nel tratto gastrointestinale.

Una volta che mi sono imbattuta in questa scoperta, ho usato la zeolite per ridurre rapidamente qualsiasi reazione di istamina.

Tanto che invece di cercare un antistaminico ora cerco la zeolite. Il mio ultimo attacco di istamina è stato risolto entro 30 minuti.

Zeolite

La zeolite è una sostanza argillosa naturale, che ha una struttura a nido d’ape, che assorbe nei suoi pori ingredienti selettivi.

La zeolite è una classe di minerali che viene quindi classificata in sottotipi di zeolite in base alle sue proprietà. Ci sono più di 50 zeoliti naturali.

La clinoptilolite è il sottotipo con benefici per la salute.

E la clinoptilolite con un rapporto silice/alluminio (che deve essere superiore a 5 per garantire anche che non venga assorbito alluminio) ne determina l’efficacia.

ZeolithMed ha un rapporto di 5,4:1 silice/alluminio.

Zeolite-antistaminico-naturale-disintossicante

In questa tabella vediamo le percentuali di assorbimento di diversi componenti da parte della zeolite.



Intolleranza all’istamina

Il corpo umano è progettato per elaborare o disattivare le istamine utilizzando enzimi diammino ossidasi per alterare le istamine in modo che non possano essere riassorbite nella mucosa intestinale.

Gli enzimi della diammina ossidasi (DAO) nei tratti intestinali alterano chimicamente le istamine o le disattivano in modo che non possano essere riassorbite e circolare in tutto il corpo.

Tuttavia, tale processo è limitato. Quando viene prodotta una quantità insufficiente di diammina ossidasi o circolano troppe istamine, il corpo non è in grado di soddisfare la domanda.

Tuttavia, Zeolite supera questa limitazione.

Lega semplicemente l’istamina nel tratto gastrointestinale, nasconde l’istamina lontano dal corpo nelle sue cavità porose e la elimina direttamente attraverso le feci. Ignora del tutto i sistemi normativi DAO, HNMT e MAO.

Poiché agisce sui tratti gastrointestinali, non affronta l’istamina nel sangue che è un marker di problemi di metilazione.

Ecco solo alcuni dei modi in cui la zeolite è stata trovata per aiutare la degradazione dell’istamina.

Cibi ad alto contenuto di istamina

Le istamine digerite sono fortemente legate alla zeolite se consumate entro 30 minuti dal cibo. In effetti, gli studi mostrano che fino all’82% delle istamine ingerite sono legate.

>> Vedi quali sono i cibi con alto contenuto di istamina

Alcol

Uno studio sull’uomo ha dimostrato che la zeolite riduce significativamente gli effetti del consumo di alcol (ma non i livelli di alcol nel sangue).

Diammina ossidasi

Uno studio su piccoli animali ha scoperto che la zeolite era protettiva dei livelli di diammina ossidasi e della funzione di barriera intestinale.

Intestino

Un sostanziale studio umano sull’integrazione di zeolite ha riscontrato un miglioramento del 30% nella zonulina (un marker di integrità intestinale).

Non ci sono stati cambiamenti significativi nello stato dei nutrienti chiave.

Uno studio sugli animali del 2017, ha anche scoperto che la zeolite ha comportato miglioramenti significativi nei villi intestinali (altezza, perimetro, area della sezione) nella mucosa intestinale.

Ci sono prove che la zeolite rinforza o riveste la barriera mucosa e migliora l’integrità della parete intestinale.

Disintossicazione

Le tossine ambientali come il piombo, mercurio, alluminio e altri metalli pesanti colpiscono tutti nella loro vita quotidiana. Entrano nel corpo in una varietà di modi: dall’aria inquinata che respiriamo, dal cibo contaminato nella nostra dieta, e venendo assorbiti attraverso la nostra pelle. Una volta dentro, il corpo cercherà di eliminarli usando il fegato e i reni. Tuttavia, quando il fegato è a pieno regime, non è in grado di elaborare le tossine per l’eliminazione.
La zeolite riduce il carico tossico sul fegato, dandogli più capacità di fare il suo lavoro come organo metabolico.

I test che simulano il tratto digestivo mostrano che la clinoptilolite lavorata correttamente può
legare il 45% del mercurio, il 94% dell’istamina e 85% dell’ammonio
, e i rapporti hanno dimostrato che questo modo altamente sicuro di disintossicare il corpo non è dannoso per l’equilibrio dei micronutrienti nel corpo.

Malattia infiammatoria intestinale

Si pensa che la permeabilità intestinale sia un passaggio cruciale nello sviluppo di malattie infiammatorie intestinali come la colite ulcerosa e il morbo di Crohn.

Uno studio sugli animali del 2018 ha scoperto che la zeolite riduce l’infiammazione intestinale e che un intestino infiammato può essere esposto alla zeolite per un periodo di tempo prolungato.

Mastociti

La parete cellulare esterna dei batteri gram-negativi contiene lipopolisaccaridi proinfiammatori che sono noti per attivare i mastociti.

In uno studio sugli animali, la zeolite ha agito come antinfiammatorio, impedendo ai lipopolisaccaridi di stimolare una varietà di marcatori infiammatori e regolando il sistema immunitario.

Altri benefici per la salute della zeolite

La zeolite, e in particolare la clinoptilolite, è un legante intelligente.

Si attacca solo a sostanze nocive e non altera oligoelementi, minerali o vitamine, anche con un uso a lungo termine.

Anche con una dieta perfettamente su misura che fornisce i giusti nutrienti nelle dosi ottimali, il corpo umano è continuamente sovraccarico di tossine ambientali, oltre a quelle create all’interno del corpo. Di conseguenza, il corpo ha bisogno di aiuto per eliminare le sostanze tossiche perché il suo sistema di disintossicazione è spinto al limite.

Oltre all’eccesso di istamina, è stato dimostrato che la clinoptilolite lega le seguenti tossine:

  • metalli pesanti (altri leganti possono essere più selettivi),
  • virus,
  • alcuni batteri patogeniEscherichia coli ,  Bacillus subtilis,  Staphylococcus aureus, Salmonella, Streptococcus mutans, Streptococcus mitis e Pseudomonas aeruginosa,
  • ammoniaca – che è necessaria per far prosperare H.Pylori (è stato dimostrato che la zeolite inibisce l’h.pylori privandolo di ammoniaca)
  • tossine fungine,
  • materiali radioattivi,
  • fluoruro.

Altri benefici per la salute della clinoptilolite includono il ripristino delle riserve corporee di antiossidanti, minerali e microbioma che altrimenti verrebbero utilizzati per la disintossicazione.

La Zeolite antistaminico naturale

Come usare la zeolite?

In natura esistono 50 tipi di zeolite.

Non tutte le forme di zeolite funzionano allo stesso modo, a causa delle loro dimensioni, struttura chimica o purezza.

Il tipo di zeolite necessario è la clinoptilolite e una con un alto rapporto silice/alluminio.

A causa dell’ampia varietà di tipi di zeolite, mi piacciono anche i prodotti da testare per la loro capacità di legare l’istamina.

Il prodotto che utilizzo è Zeolith MED polvere (dispositivo medico CE) in quanto è stato specificamente testato, e si lega all’83,5% di tutte le istamine presenti nel tratto gastrointestinale. Non sono stata in grado di identificare altre zeoliti con il test dell’istamina.

Mi è stato anche chiesto spesso delle forme liquide di zeolite sul mercato. Queste non legano le istamine nel tratto gastrointestinale, ma funzionano a livello intracellulare.

Non sono a conoscenza di altre marche, che abbiano il giusto rapporto silice/alluminio, o che siano state adeguatamente testate.

Quando si utilizza la zeolite, è importante utilizzare un cucchiaio di legno o di plastica per mescolare la zeolite, poiché uno metallico può cambiare la sua carica, rendendolo meno efficace nell’estrarre le tossine.

Inutile dire che è anche importante assicurarsi che l’eventuale stitichezza venga risolta o gestita. Avendo legato l’istamina, deve essere espulsa, altrimenti verrà riassorbita.

Inoltre, se hai l’acidità di stomaco bassa, potresti non essere in grado di scomporre la forma in polvere, nel qual caso le capsule sono generalmente meglio tollerate.

Le proprietà della Zeolite antistaminico naturale

22,00 € (55,00 € / kg)
30,00 € (75,00 € / kg)
12,00 € (60,00 € / kg)
19,00 € (95,00 € / kg)

Le proprietà della Zeolite antistaminico naturale

Riferimenti bibliografici

Fonte:

Farina, Mauro, et al. “Antibacterial activity of Na-clinoptilolite against Helicobacter pylori: in-vitro tests, synergistic effect with amoxicillin and stability of the antibiotic formulated with the zeolite.” Microporous and Mesoporous Materials 288 (2019): 109592.

Kraljevi  Paveli  Sandra, et al. “Critical review on clinoptilolite safety and medical applications in vivo.” Frontiers in Pharmacology 9 (2018): 1350.

Selvam, Thangaraj, Wilhelm Schwieger, and Wilfried Dathe. “Histamine-binding capacities of different natural zeolites: a comparative study.” Environmental geochemistry and health(2018): 1-9.

Dacewicz, Ewa. “Application of Selective and Porous Materials for the removal of biogenic compounds and indicator bacteria from domestic wastewater.” ACTA Scientiarum-Formatio circuiectus 17.2 (2018): 47-55.

Gokdogan, Saadet, et al. “The influences of natural zeolite (cliptinolite) on ammonia and biogenic amine formation by foodborne pathogen.” Journal of food science 77.8 (2012): M452-M457.

Bacakova, Lucie, et al. “Applications of zeolites in biotechnology and medicine–a review.” Biomaterials Science(2018).

Nizet, Stéphane, et al. “Clinoptilolite in Dextran Sulphate Sodium-Induced Murine Colitis: Efficacy and Safety of a Microparticulate Preparation.” Inflammatory Bowel Diseases24.1 (2017): 54-66.

Wawrzyniak, A., et al. “Effect of Feeding Transcarpathian Zeolite on Gastrointestinal Morphology and Function in Broiler Chickens.” Revista Brasileira de Ciência Avícola 19.4 (2017): 737-746.

Steimecke, Günter, Steffen Hoffmann, and Thomas Görner. “Method for the reduction of the concentration of amines and salts thereof.” U.S. Patent No. 8,951,549. 10 Feb. 2015.

Selvam, T., W. Schwieger, and W. Dathe. “Natural Cuban zeolites for medical use and their histamine binding capacity.” Clay Minerals 49.4 (2014): 501-512.

Lamprecht, Johan C., et al. “The effects of an artificially enhanced clinoptilolite in patients with irritable bowel syndrome.” South African Family Practice 59.1 (2017): 18-22.

Lamprecht, Manfred, et al. “Effects of zeolite supplementation on parameters of intestinal barrier integrity, inflammation, redox biology and performance in aerobically trained subjects.” Journal of the International Society of Sports Nutrition 12.1 (2015): 40.

Gandy, Justin John, Ilze Laurens, and Jacques Rene Snyman. “Potentiated clinoptilolite reduces signs and symptoms associated with veisalgia.” Clinical and experimental gastroenterology 8 (2015): 271.

Özogul, Fatih, Imen Hamed, and Saadet Gokdogan. “The impact of natural clinoptilolite on ammonia, cadaverine and other polyamine formation by the foodborne pathogen in lysine decarboxylase broth.” LWT-Food Science and Technology 65 (2016): 703-710.

Ozogul, Fatih, et al. “Effect of natural zeolite (clinoptilolite) on in vitro biogenic amine production by Gram-positive and Gram-negative pathogens.” Frontiers in Microbiology 9 (2018): 2585.

Gokdogan, S., Özogul, Y., Kuley, E., Özogul, F., Kacar, C., and Ucar, Y. (2012). The influences of natural zeolite (clinoptilolite on ammonia and biogenic amine formation by food-borne pathogen. J. Food Sci. 77, M452–M457. doi: 10.1111/j.1750-3841.2012.02822.x

Kubota, Munehiro, et al. “Selective adsorption of bacterial cells onto zeolites.” Colloids and Surfaces B: Biointerfaces 64.1 (2008): 88-97.

Kuley, Esmeray, et al. “The impact of applying natural clinoptilolite (zeolite) on the chemical, sensory and microbiological changes of vacuum packed sardine fillets.” International journal of food science & technology 47.9 (2012): 1977-1985.

Danz, Hubert, et al. “Use of an activated zeolite as a pharmaceutical agent for reducing toxic substances.” U.S. Patent Application No. 12/092,460.

Wu, Qiu Jue, et al. “The effects of natural and modified clinoptilolite on intestinal barrier function and immune response to LPS in broiler chickens.” Veterinary immunology and immunopathology 153.1 (2013): 70-76.

Ivkovic, Slavko, et al. “Dietary supplementation with the tribomechanical activated zeolite clinoptilolite in immunodeficiency: effects on the immune system.” Advances in therapy 21.2 (2004): 135-147.

Varel, Vincent H., I. M. Robinson, and W. G. Pond. “Effect of dietary copper sulfate, Aureo SP250, or clinoptilolite on urealytic bacteria found in the pig large intestine.” Applied and environmental microbiology 53.9 (1987): 2009-2012.

Laurino C, Palmieri B. Zeolite: The Magic stone: Main nutritional, environmental, experimental and clinical fields of application. Nutr Hosp. 2015 Aug 1;32(2):573-81.

Influence of CLINOPTILOLITE and MANC® on the natural balance of micro nutrients, FEB-03-2016.

Albengres, E., et al. “Interactions between smectite, a mucus stabilizer, and acidic and basic drugs.” European journal of clinical pharmacology 28.5 (1985): 601-605.

Papaioannou, D. S., et al. “Effect of in-feed inclusion of a natural zeolite (clinoptilolite) on certain vitamin, macro and trace element concentrations in the blood, liver and kidney tissues of sows.” Research in veterinary science 72.1 (2002): 61-68.

Katsoulos, Panagiotis D., et al. “Effect of long-term dietary supplementation with clinoptilolite on performance and selected serum biochemical values in dairy goats.” American journal of veterinary research 70.3 (2009): 346-352.

Katsoulos, P. D., Roubies, N., Panousis, N., Arsenos, G., Christaki, E., and Karatzias, H. (2005a). Effects of long-term dietary supplementation with clinoptilolite on incidence of parturient paresis and serum concentrations of total calcium, phosphate, magnesium, potassium, and sodium in dairy cows. Am. J. Vet. Res. 66, 2081–2085.

Katsoulos, P. D., Roubies, N., Panousis, N., and Karatzias, H. (2005b). Effects of long-term feeding dairy cows on a diet supplemented with clinoptilolite on certain serum trace elements. Biol. Trace Elem. Res. 108, 137–145.

Katsoulos, P. D., Karatzia, M. A., Boscos, C., Wolf, P., and Karatzias, H. (2016). In-field evaluation of clinoptilolite feeding efficacy on the reduction of milk aflatoxin M1 concentration in dairy cattle. J. Anim. Sci. Technol. 58, 1–7. doi: 10.1186/s40781-016-0106-4.

Flowers, James L., Stewart A. Lonky, and Erik J. Deitsch. “Clinical evidence supporting the use of an activated clinoptilolite suspension as an agent to increase urinary excretion of toxic heavy metals.” Nutrition and Dietary Supplements 1 (2009): 11-18.

Basha, Mahaboob P., Shabana Begum, and Bilal Ahmed Mir. “Neuroprotective actions of clinoptilolite and ethylenediaminetetraacetic acid against lead-induced toxicity in mice Mus musculus.” Toxicology international 20.3 (2013): 201.

Federico, A., et al. “A pilot study on the ability of clinoptilolite to absorb ethanol in vivo in healthy drinkers: Effect of gender.” J. Physiol. Pharmacol 66 (2015): 441-447.

Jung, S. B., et al. “Association between vitamin B 12 deficiency and long?term use of acid?lowering agents: a systematic review and meta?analysis.” Internal medicine journal 45.4 (2015): 409-416.

Cutovic, Milisav, et al. “Clinoptilolite for treatment of dyslipidemia: preliminary efficacy study.” The Journal of Alternative and Complementary Medicine 23.9 (2017): 738-744.

Valpoti?, Hrvoje, et al. “Zeolite clinoptilolite nanoporous feed additive for animals of veterinary importance: potentials and limitations.” Periodicum biologorum 119.3 (2017): 159-172.

ricette senza istamina libro
Zeolite-antistaminico-naturale-proprietà
istamina-alta-sintomi