dieta-senza-istamina




Se sospetti che un’intolleranza all’istamina sia la causa del tuo mal di testa, mal di stomaco, diarrea, eruzioni cutanee, rossore, ansia o battito cardiaco accelerato, il passo successivo è sperimentare una dieta a bassa istamina. Ma una volta letto l’elenco di alimenti che dovresti evitare, potresti sentirti frustrato e scoraggiato. Com’è che tutti i cibi che ami veramente sono quelli che contengono livelli più alti di istamina?

Può essere fonte d’ansia di dire addio, anche solo temporaneamente, a cibi che sono stati nella vita quotidiana per così tanto tempo. Il più grande errore che puoi fare è quello di rimuginare su tutto ciò che non puoi avere e dimenticare tutti i cibi deliziosi che puoi mangiare.

Una volta accettata la situazione  importante evitare altri comuni errori di una dieta senza istamina, come:

  1. Pensare che  tutti i cibi “sani” sono cibi a bassa istamina.
    Perché quando si tratta di istamina, la regola generale per una dieta a basso contenuto di istamina è quella di attenersi il più possibile a cibi freschi e minimamente elaborati. Questo perché i batteri convertono l’amminoacido istidina all’istamina nel tempo e gli alimenti contenenti proteine ​​come carne invecchiata, salata o affumicata, così come i formaggi fermentati e stagionati, il pane a lievitazione naturale e la panna acida saranno ricchi di istamina.
    L’istamina si accumula anche in alimenti fermentati e in salamoia come yogurt, aceti, crauti, kombucha e bevande alcoliche. Gli alimenti cucinati per lungo tempo, come il brodo di ossa oi pasti a cottura lenta, sono probabilmente ricchi anche di istamina. Come puoi vedere, una dieta a basso contenuto di istamina potrebbe richiedere di ridurre molti cibi altrimenti sani.
  2. Ignorare importanti linee guida per la preparazione del cibo.
    Non è solo il tipo di cibo, ma come il cibo è preparato è davvero importante. È probabile che gli alimenti proteici con una conta batterica possibilmente più elevata, come carne cruda, pollame e pesce, accumulino nel tempo istamina. Acquistali freschi e cuocili o congelali il giorno stesso in cui il congelamento blocca l’accumulo di istamina. Non lasciarli nel tuo frigo per qualche giorno. In alternativa, acquista prodotti surgelati come filetti di salmone o merluzzo confezionati singolarmente. Per scongelarli, metterli in una busta sigillata e immergere in acqua fredda per 15 o 30 minuti invece di lasciarli in frigo per una notte.
  3. Dimenticare di conservare gli avanzi di cibo correttamente
    Ricorda di fare attenzione con gli avanzi. Se cucini in quantità o prepari i pasti durante il fine settimana, puoi continuare a farlo, ma congela subito ciò che non viene mangiato in giornata. Trasferire gli avanzi in contenitori di vetro in dimensioni individuali subito dopo che il cibo si è raffreddato. Investi in contenitori di vetro. Quando riscaldate il pasto, fatelo velocemente nel forno o nel forno a microonde anziché lasciarlo scongelare in frigo durante la notte.
  4. Non entrare nel dettaglio dei cibi ad alto contenuto di istamina.
    Non c’è modo di mangiare una dieta a istamina zero (poiché il tuo corpo contiene già istamina prodotta naturalmente e ne ha bisogno per funzioni critiche). Invece, il tuo obiettivo è quello di mantenere il consumo di istamina il più basso possibile mangiando cibi a basso contenuto di istamina ed evitando gli alimenti che scatenano un’ulteriore liberazione di istamina.
    Potresti notare discrepanze tra gli elenchi di alimenti a bassa e alta istamina che hai trovato. È prevedibile perché il contenuto di istamina nel cibo è difficile da quantificare. Dipenderà dai batteri a cui è stato esposto il cibo, da quanto tempo è rimasto non refrigerato o non congelato, dal livello di maturazione di verdure e frutta, da quanto tempo è rimasto nella catena di trasporto (soprattutto per carni e pesce), e altre manipolazioni, conservazione e processi di cottura.

Qui ci sono le cose da fare e da non fare.
Da tenere a mente in una dieta a bassa istamina.

Proteine

Pollo fresco o congelato, tacchino, manzo, agnello, maiale. Scegli il più possibile biologico, nutrito con erba o pasturato e cucinalo subito. Pesce fresco come salmone, merluzzo, trota. Evita il tonno, lo sgombro, le sardine, le acciughe, i crostacei e qualsiasi cosa in scatola. Se non si è in grado di garantire la freschezza, il congelamento potrebbe effettivamente essere migliore perché tende a congelare immediatamente. Le uova sono mediamente tollerate ma inizia senza. Sperimenta per due settimane nella dieta con i tuorli d’uovo e prova gli albumi per ultimi.

Verdure

Sono ammessi tutti i vegetali tranne pomodoro, melanzane, spinaci e funghi. Mangia broccoli crudi, cavoli e peperoni perché contengono vitamina C, che aiuta a ridurre il rilascio di istamina.

Frutta

Mirtilli freschi o congelati, more, mele, pere, uva, anguria, melone, melata, prugna, mango, pesca, melograno, ciliegie e albicocche. Evitare frutta secca.

Amidi

Patate bianche, patate dolci, barbabietole, zucche invernali, quinoa, avena, riso, grano saraceno e miglio. Evita inizialmente grano, orzo e segale. Contengono glutine che possono causare dolori allo stomaco e problemi intestinali e possono interferire con i risultati.

Oli e grassi

Olio di oliva, olio di cocco, olio di semi di girasole, cocco grattugiato, farina di cocco, semi di chia, semi di lino, semi di canapa, semi di zucca, semi di girasole e noci di macadamia.

Dolcificanti, erbe e spezie

Sale marino non trasformato, cannella, pimento, cumino, coriandolo, senape macinata, curcuma , basilico, origano, prezzemolo, coriandolo, zenzero , sciroppo d’acero, miele, stevia e zucchero da tavola. Aglio e cipolla sono a basso contenuto di istamina ma possono causare disturbi allo stomaco, quindi sii prudente se hai sintomi digestivi.

Alternative casearie e casearie

Mozzarella fresca, ricotta, ricotta, latte di cocco, latte di mandorla, latte di riso, latte di canapa e tisane sono tutti ottimi.

Seguire una dieta istamina per troppo tempo

Tieni presente che questa dieta è difficile e restrittiva e non dovresti seguirla strettamente per più di due o quattro settimane. Se ti senti meglio, il passo successivo è trovare la causa principale dei tuoi problemi di istamina. In altre parole: perché il tuo corpo ha iniziato a rilasciare troppa istamina e / o ha smesso di metabolizzarlo correttamente.

Bisogna scoprire insieme al medico di fiducia gli inneschi individuali che portano l’eccesso di istamina nel corpo. Questi possono includere infiammazione intestinale, disbiosi, SIBO, crescita eccessiva di lievito, permeabilità intestinale e sensibilità alimentare. Farmaci come i FANS, i bloccanti H2 per il reflusso acido, gli antistaminici, gli antidepressivi e alcuni altri interferiscono con il metabolismo dell’istamina, quindi parla con il medico delle tue opzioni. Se hai una variazione genetica che interferisce con l’istamina, la guarigione dell’intestino e l’assunzione degli integratori giusti possono ridurre la gravità dei sintomi e permetterti di seguire una dieta più flessibile.

alimenti senza istamina e tiramina
istamina-orticaria
Come abbassare l’istamina naturalmente
Cibi senza
Data
Dettagli
Dieta senza istamina: gli errori da non fare
Voto
51star1star1star1star1star